Icon airplane shadow
Puoi gestire il tuo borsello solo dopo aver effettuato l'accesso!

5 dritte facili per delle Feste senza sprechi e avanzi alimentari

 Alessia Giorgiutti  28/12/2017

 Alimentazione   spreco alimentare, cibo avanzato, riciclo

46908443 m

Che tu festeggi Natale, Channukkah o la settimana di Kwanzaa, il minimo comune denominatore di questi giorni fra il 2017 e l’ormai imminente 2018 si rivela essere uno soltanto: una serie interminabile di pranzi e cene decisamente abbondanti. Noi di Orto in Tasca non ti possiamo giudicare, dal momento che anche il nostro Team si appresta a festeggiare tra tavole imbandite di leccornie locali e sessioni di abbuffate seriali.

Ciononostante, vorremmo ricordarti che, tra generose porzioni e mille manicaretti, non puoi lasciarti annebbiare la mente da qualche bicchiere di troppo. Infatti, durante le vacanze invernali, occorre prestare attenzione non solo a non esagerare con cibo e alcolici, ma anche a non sprecare alimenti e accumulare rifiuti. Chiamaci “Guastafeste salutisti/ambientalisti”, ma quest’anno vorremmo anche noi un regalo da parte tua, ovvero una buona e sana dose di amore per il cibo e per l’ambiente.

Secondo i dati del Food Sustainability Index -  studio globale su nutrizione, agricoltura sostenibile e spreco alimentare basato su un indice da 0 a 100, in cui 100 è il valore più positivo - l’Italia, con un indice di 69.01, risulta quarta nell’area mediterranea e settima del mondo in relazione alla sua sostenibilità nell’ambito alimentare, nonostante lo “spreco domestico”, ossia quello del consumatore finale, sia pari a una spaventosa media di 110,5 kg di cibo sprecato per persona all’anno.

La maggior parte di questi sprechi alimentari avvengono naturalmente durante le vacanze invernali, quando i consumatori italiani, amanti della giovialità del buon cibo, svuotano i propri portafogli per riempire i propri frighi (e stomaci!). Per far sì che anche tu contribuisca a combattere il crescente problema dei rifiuti alimentari e migliorare ulteriormente la sostenibilità domestica degli italiani, noi di Orto in Tasca abbiamo 5 semplici dritte da darti. Fanne buon uso, soprattutto durante le Feste!

  1. Prova ad ideare un menù “sostenibile”.

Preferisci la qualità alla quantità, evitando di ideare piatti troppi complessi e con numerosi ingredienti. Stila una lista con tutti i prodotti che ritieni essenziali per la riuscita della tua idea e decurta tutto ciò che non ti sembra necessario o può essere sostituito da alimenti già acquistati e da alternative locali e meno costose. 

  1. Stabilisci le porzioni prima di fare la spesa.

Prima di acquistare i prodotti per le Feste, pensa al numero di persone per il quale dovrai cucinare e a quanto dovrebbero essere grandi le dimensioni delle porzioni per ciascuna di esse. Rifuggi le offerte promozionali che, nonostante la convenienza, aumenterebbero le probabilità di sprechi: così facendo, non farai acquisti in eccesso e potrai risparmiare un po’ di soldi. 

  1. Fatti furbo in cucina.

Oltre a creare porzioni contenute, potresti esplorare le alternative vegetali per contorni e primi. Come già spiegato in uno dei nostri articoli precedenti, mangiare frutta e verdura contribuisce a ridurre le emissioni globali di gas serra. Gli avanzi vegetali poi, sono più facili da riutilizzare sia in cucina che in natura: nel primo caso, lavando tutte le verdure prima di sbucciarle, tagliarle o tritarle e conservandone buccia o pezzi in un sacchetto di plastica o in un barattolo nel congelatore, si può facilmente preparare un brodo nei giorni che seguono le Feste; nel secondo caso, i rifiuti organici possono essere riutilizzati per creare un compostaggio atto a migliorare la qualità e la fertilità del proprio orto. Se decidi poi di friggere qualcosa, trova un centro di riciclaggio di olio da cucina nella tua zona: l'olio residuo potrebbe essere riciclato in carburante biodiesel

  1. Riutilizza il cibo avanzato.

Gli avanzi si possono riutilizzare nella preparazioni di altre portate: ad esempio, pandori e panettoni possono essere riutilizzati per creare nuovi dolci. La frutta può essere riutilizzata nella creazione di marmellate o sciroppi. La carne rimanente, così come ripieni, salse e insalate, possono essere utilizzati per gustosi panini. Le verdure possono essere riutilizzate per zuppe, stufati e casseruole. Il vino, se versato in una vaschetta per il ghiaccio, può essere congelato per uso successivo in salse, sughi o, nel caso del vino bianco, per cubetti di ghiaccio alcolici. 

Mangia o dona il cibo avanzato.

Se il cibo avanzato è tanto, dona delle porzioni ai tuoi ospiti o chiedi se sia possibile distribuirlo ai più bisognosi presso mense della carità. Se comunque ti rimangono ulteriori avanzi, lasciali raffreddare in monoporzioni etichettate con data e nome del piatto, assicurandoti che vengano riposti nel frigorifero o nel congelatore entro 1-2 ore. In questo modo potrai scongelarli a tuo piacimento nei giorni a seguire.

Stai per eliminare il prodotto dal carrello.
Sei sicuro?

Stai per eliminare l'indirizzo.
Sei sicuro?

Stai per rinunciare alla consegna.
Sei sicuro?